CONSUMO DI ACQUA VIRTUALE…..UNA MINACCIA PER L’AMBIENTE ?

By | Marzo 3, 2019
PIANETA AZZURRO

il nostro pianeta blu brilla nello spazio come un diamante, grazie all’acqua. La superficie terrestre è di circa due terzi coperti d’acqua. Ma meno dell’1% di esso è acqua potabile. Il consumo di acqua sostenibile è quindi vitale per la sopravvivenza di tutti. Per chiarire ciò, è stato sviluppato il “consumo di acqua virtuale”. In Germania ci sono 3.900 litri di acqua per persona al giorno. Ecco alcune informazioni di base e suggerimenti per l’uso consapevole di “acqua virtuale”.

 

Acqua virtuale: quale è il concetto ?

l termine “acqua virtuale” è stato inventato dal geografo inglese John Anthony Allan negli anni ’90. Ha poi determinato per alcuni prodotti agricoli, quanta acqua è necessaria per la loro coltivazione e la successiva lavorazione. L’idea: gli alimenti che consumano molta acqua durante la produzione dovrebbero essere coltivati ​​meglio in paesi con un approvvigionamento idrico corrispondentemente elevato. Altrimenti, nelle regioni con scarse risorse, l’esportazione di beni ad alto consumo d’acqua perderà irrimediabilmente l’acqua disponibile lì.

 

famiglia bergamo

Il consumo di acqua virtuale è più alto in agricoltura. Inoltre, il cibo che consumiamo spesso proviene da aree con scarse risorse idriche. Acquistare consapevolmente a livello regionale e stagionale aiuta a risparmiare acqua

Arjen Hoekstra, professore olandese di gestione delle acque, ha sviluppato questo approccio al concetto di “impronta idrica virtuale” su. Qui, il consumo di acqua virtuale si differenzia per il consumo di acqua piovana (consumo di acqua verde), acque sotterranee e superficiali (consumo di acqua blu) e la quantità di acqua necessaria per pulire l’acqua inquinata (consumo di acqua grigia).

 

Ad esempio, una tazza di caffè contiene circa 140 litri di acqua virtuale. L’irrigazione della superficie in alta quota non è un problema, perché il caffè cresce nei tropici piovosi. Ma il maggiore consumo di acqua viene dall’estrazione del caffè verde. 

 

Per altri alimenti, il bilancio dell’acqua virtuale è molto più allarmante. Il più alto consumo di acqua è nella produzione di carne (vedi tabella).

 

Tanta acqua virtuale è in questi prodotti …

LA PRODUZIONE DI CARNE

  • Manzo: 15.415 litri / kg (94% verde, 4% blu e 3% grigio acqua virtuale)
  • Pollo: 4.325 litri / kg (82% verde, 7% blu e 11% di acqua virtuale grigia)
  • Carne di maiale: 5.988 litri / kg (82% verde, 8% blu e 10% di acqua virtuale grigia)
  • Pecora: 10.412 litri / kg (94% verde, 5% blu e 1% di acqua virtuale grigia)

ALTRI CIBI 

  • Pomodoro: 214 litri / kg (50% verde, 30% blu e 20% grigio acqua virtuale)
  • Mela: 822 litri / kg (68% verde, 16% blu e 15% di acqua virtuale grigia)
  • Formaggio: 3.178 litri / kg (85% verde, 8% blu e 7% di acqua virtuale grigia)
  • Cioccolato: 17,196 litri / kg (98% verde, 1% blu e 1% di acqua virtuale grigia)

(Fonte: Arjen Hoekstra & Water Footprint Network)

Quanto è realistico il consumo di acqua virtuale?

La presentazione del consumo di acqua virtuale è spesso criticata. Un argomento: l’acqua non è realmente consumata, ma in seguito è tornata al ciclo naturale. In effetti, la quantità di acqua dolce disponibile rimane approssimativamente costante. I meteorologi confermano che le precipitazioni annuali variano leggermente. Tuttavia, la distribuzione delle precipitazioni in tutto il paese sta cambiando. Quando il cibo viene coltivato in regioni con scarse precipitazioni, gli agricoltori utilizzano le falde acquifere per l’irrigazione, ma più di loro. A vista, l’acqua mancherà in futuro per la vita quotidiana.

Un altro aspetto: l’acqua usata è inquinata ma non può essere sempre pulita completamente. Oppure, in alcuni paesi, mancano le strutture tecniche. Il risultato: il consumo di acqua virtuale diventa un vero consumo di acqua, perché le risorse di acqua potabile non possono più essere utilizzate in modo sicuroQueste relazioni possono essere rappresentate plasticamente e differenziate dai prodotti con la dimensione ausiliaria dell’acqua virtuale.

Come possiamo influenzare il consumo di acqua virtuale?

Innanzi tutto, il bilanciamento dell’acqua virtuale dovrebbe ottimizzare i flussi internazionali di merci per proteggere le risorse in paesi con scarse risorse idriche. Ma noi consumatori possiamo fare anche qualcosa. Ad esempio, per comprare frutta e verdura stagionalmente e se possibile regionalmente. Ad esempio, l’impronta idrica personale è inferiore quando un pomodoro proviene dai Paesi Bassi piovosi che dalle piantagioni nell’asciutto sud della Spagna.

I consumatori influiscono anche sul consumo di acqua acquistando il nostro abbigliamento: anche quando il cotone viene coltivato, è estremamente alto. La produzione di un chilo di cotone rappresenta poco meno di 10.000 litri di acqua virtuale. Nei paesi produttori classici, la maggior parte viene estratta dalle profondità delle acque sotterranee e i metodi di irrigazione di molti piccoli proprietari sono inefficienti. Prezzi e know-how equi aiutano i coltivatori a investire nella tecnologia moderna. Ad esempio, l’organizzazione Fairtrade si impegna a questo (maggiori informazioni sul commercio equo e solidale qui ). Perché non spendere qualche centesimo per il prossimo acquisto di abbigliamento e prestare attenzione al sigillo Fairtrade.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *